I contratti più importanti nell’industria musicale

Quali sono i contratti più importanti nell’industria musicale? Li abbiamo elencati per te!

La maggior parte dei musicisti preferisce concentrarsi sull’essenziale – improvvisare, scrivere canzoni ed esibirsi live. I contratti vengono spesso ignorati o non vengono letti attentamente. Gli artisti singoli e le band dovrebbero quindi sviluppare più consapevolezza circa questo tema una volta entrati nell’industria musicale, così da poter operare da professionisti nel futuro.

I contratti importanti

1. Progetto/contratto per band

Se non vuoi portare avanti il tuo business da solista, è consigliabile entrare in una band con un contratto. Questa tipologia di contratto è usata per regolare le questioni legali e leagate alle tasse all’interno del gruppo. I punti importanti in questo tipo di contratto sono i seguenti: distribuzioni degli utili, i diritti legati al nome del gruppo, distribuzione delle competenze, ritiro dei membri dalla band, assicurazione, decesso, possesso di strumenti / attrezzatura e diritto al voto all’interno del gruppo.

2. Trasferimento di diritti a musicisti e cantanti

Se decidi di coinvolgere un musicista o un cantante esterno è consigliabile utilizzare un contratto che autorizza la ‘cessione dei diritti’. Questo regolerà la suddivisione del cachet e di altri possibili benefici e elencherà in dettaglio i diritti del musicista o cantante ospite. La cosa importante è ottenere il permesso di utilizzare e riprodurre il brano in questione. Il contratto deve chiaramente indicare quelle che possono essere le rivendicazioni in termini di remunerazione.

3. Contratti con società di gestione collettiva e con editori.

Se sei un compositore o un paroliere ti consigliamo di entrare in contatto con una società di gestione collettiva locale prima possibile e fare il cosidetto ‘contratto di cessione’. La funzione di società come SIAE, GEMA etc. è quella di proteggere le tue canzoni, raccogliere gli utili derivanti dall’utilizzo delle stesse, prendendo una percentuale del 10%. Nel caso di un gruppo è importante decidere in anticipo chi sarà titolare del diritto di autore per un brano e chi no. In questo modo si eviterà di dover discutere sull’argomento in un momento successivo (questo tema può essere citato nel contratto per band). I tuoi diritti di autore possono essere protetti da società specializzate nel copyright e nei diritti connessi come GVL o SwissPerform.

Un’altra opzione disponibile per gli autori è trasferire una parte dei loro diritti a un editore di musica. In questo caso ci sono contratti per titolo o contratti con clausula di esclusiva, nei quali vengono pagati anticipi concordati. I più importanti elementi in questi contratti sono: la durata del contratto, il territorio, estensione dei diritti, i doveri degli autori e degli editori e i diritti di sincronizzazione. Si consiglia di analizzare e leggere un esempio di contratto per controllare attentamente quali sono i diritti che si vuole trasferire e sotto quali condizioni.

4. Contratto discografico

Se un’etichetta è interessata ai tuoi brani, puoi trasferirle “i diritti sulle registrazioni” usando un classico contratto discografico. Il contratto cura gli aspetti relativi alla lavorazione, distribuzione e commercializzazione della registrazione. Insieme al contratto discografico per singoli titoli o album esiste anche la possibilità che gli artisti firmino un contratto con esclusiva. Gli aspetti principali regolati dal contratto sono: il volume di produzione, il formato, l’esclusività, la durata, i diritti di sublicenza, diritti di sincronizzazione e commercializzazione.

5. Contratti di distribuzione

I contratti di distribuzione sono normalmente stipulati tra etichette discografiche e distributori. Se decidi di fare un’uscita indipendentemente dall’etichetta farai un contratto direttamente con distributori chiamati aggregatori. In questo modo non cedi alcun diritto sulle tue registrazioni, ma solamente il diritto (esclusivo) di distribuire il tuo contenuto ai rivenditori online e partner del tuo distributore. Se fai un’ uscita su supporto fisico, ci sono tipologie di contratti che includono entrambi gli aspetti, la fabbricazione e la distribuzione del tuo prodotto. In un contratto di distribuzione sono regolati i seguenti importanti punti: l’area di distribuzione, le registrazioni coperte dal contratto, i dettagli relativi all’uscita, costi e termini di pagamento, transazioni con le società di gestione collettiva, diritti di protezione, gestione del magazzino.

6. Contratti di prestazione artistica

Per i concerti avrai bisogno che venga stipulato un contratto tra la tua persona e il promotore o tra il promotore e il tuo manager/booker. In relazione alla fama dell’artista richiesto, questi contratti possono essere estremamente lunghi e pieni di richieste speciali. Questi contratti includono generalmente i seguenti punti: luogo e durata dell’esibizione, cachet e tipologia di pagamento, doveri dell’artista e del promoter, scheda tecnica, costi, trasporti e logistica, cancellazione della performance e costi relativi, assicurazione, contributi sociali e contributi alle società di gestione collettiva.

7. Contratti di produzione e per remix

Le grandi case discografiche fanno spesso un contratto di produzione direttamente con il produttore, che è poi responsabile del processo di produzione in studio, delle registrazioni e del loro stile. L’aspetto fondamentale regolato in questo contratto riguarda la responsabilità circa le registrazioni e il loro compenso relativo, nella forma di un pagamento unico e/o di una parte dei profitti in forma di royalty. I produttori possono in ogni caso stipulare un contratto direttamente con gli artisti, in questo caso i produttori agiscono da investitori che credono in un determinato artista e dopo una registrazione di successo desiderano proporre gli artisti a una determinata etichetta.

Un contratto è altrettanto necessario in caso di remix esterni. Questo regola: il pagamento unico della commissione e la possibile possibile suddivisione delle royalty, cessione dei diritti, i diritti di adattamento (parte dei diritti di autore).

8. Contratti con manager e con agenzie

I manager e gli agenti di booking operano come realtà separate, lavorano per tuo conto e ti affiancano nello sviluppo del business dopo aver stipulato un contratto con te. Hanno spesso bisogno di una speciale autorizzazione legale. La funzione del manager è quella di mediare tra i musicisti e i loro partner nel business come etichette, distributori, editori e la stampa, mentre un’agenzia di booking si specializza nel trovare e organizzare gig. Relativamente a questi contratti è importante essere sicuri di poter cedere i diritti in modo appropriato, poter agire in nome proprio, poter stipulare un contratto con terze parti.